“Robert Capa in Italia. 1943-1944″. In mostra a Roma (e poi a Firenze) le foto del grande fotoreporter ungherese

Robert Capa 937

Una delle peculiarità dell’arte è quella di saper emozionare lo spettatore. Nell’elegante cornice del Museo di Roma-Palazzo Braschi, in Piazza Navona, è allestita una mostra che chi ama il fotogiornalismo o la fotografia di reportage non può assolutamente perdere, una mostra capace di emozionare dal primo all’ultimo scatto anche lo spettatore meno interessato. Si intitola “Robert Capa in Italia 1943-1944”, ed è dedicata a colui che può tranquillamente essere definito come il primo tra i fotoreporter. Endre Erno Friedmann, questo il nome di battesimo di Robert Capa, nella sua breve vita è riuscito ad immortalare 5 conflitti in giro per il mondo, direttamente sui campi di battaglia: guerra civile spagnola, seconda guerra sino-giapponese, seconda guerra mondiale, guerra arabo-israeliana e infine prima guerra dell’Indocina, dove trova la morte a soli 41 anni per lo scoppio di una mina.

CAPA 1 TroinaAgosto1943